Contact

Phone:

Email:

Web:

Write a comment

Comments: 1

  • #1

    elenapecchia (Tuesday, 04 June 2013 10:46)

    ma avrai scritto un po' troppa roba?! non ci capisco niente! però la presentazione è carina ;)

  • loading

Il lavoro

Per compiere un lavoro è necessario applicare una forza a un oggetto in modo da spostare l’oggetto di una certa distanza.

L = forza x distanza (f x d)

La formula è valida solo quando la forza e lo spostamento hanno la stessa direzione. Se invece hanno direzioni differenti, il lavoro è minore di quello indicato dalla formula perché lo spostamento è determinato solo da una parte della forza.

La forza di attrito rallenta gli oggetti in movimento ma, visto che agisce in verso opposto a quello del moto, il suo lavoro è considerato negativo.

L’unità di misura del lavoro è il joule (j).

N (Newton-forza) x m (metri-distanza) = joule.

Un kg peso è uguale a 9,8 N.

La potenza

La potenza è il rapporto tra il lavoro compiuto e il tempo impiegato per compierlo. L’unità di misura della potenza è il watt (W). Un watt è uguale a un joule al secondo.

L’energia

L’energia è qualsiasi risorsa che permette di compiere un lavoro.

L’unità di misura dell’energia è il joule.

Esistono vari tipi di energia:

  • ·         Energia cinetica: è l’energia dovuta alla velocità di un corpo e alla sua massa. L’energia cinetica si calcola con una formula: Ec (energia cinetica) = ½ m (massa) x v (velocità). La massa e la velocità devono essere espresse in chilogrammi e metri al secondo.
  • ·         Energia potenziale: L’energia immagazzinata in un corpo, dovuta all’altezza a cui si trova l’oggetto e al suo peso, si chiama energia potenziale gravitazionale (perché deriva dalla forza di gravità). L’energia potenziale gravitazionale si calcola con una formula: Ep (energia potenziale gravitazionale) = m (massa) x g (accelerazione gravitazionale) x h (altezza). Il peso deve essere espresso in chilogrammi, l’altezza in metri. Il valore di g è 9,8.
  • ·         Energia meccanica: L’energia meccanica di un corpo è la somma della sua energia potenziale e energia cinetica. (Ec + Ep = Em)

In assenza di attriti, l’energia cinetica e potenziale di un corpo possono aumentare o diminuire, ma non esaurirsi. La somma delle due energie è sempre costante. Anche l’attrito non distrugge energia, ma la trasforma in calore. L’energia si può trasformare da una forma a un’altra o trasferire da un corpo a un altro ma non si può creare né distruggere.

Le trasformazioni dell’energia

L’energia varia continuamente da cinetica a potenziale. Un esempio è quello di una pallina che viene lanciata in aria e ripresa al volo. Quando la pallina sale, la pallina diminuisce la sua velocità, quindi perde energia cinetica e acquista energia potenziale.

Quando la pallina arriva a metà della sua traiettoria, si ferma per un secondo. In quel momento possiede solo energia potenziale.

Quando la pallina scende, prende velocità, perciò l’energia potenziale si trasforma in energia cinetica.